Investire in Ripple nel 2019

Ripple (XRP)è una valuta digitale sviluppata da un team di esperti con grande esperienza nel mondo delle criptovalute, infatti tra coloro che hanno lavorato per questa moneta digitale troviamo anche una parte del team che ha sviluppato i Bitcoin. Tra i fondatori di Ripple, infatti, c'è anche l’amministratore delegato di OpenCoin, Chris Larsen, e il CTO Jed McCaleb

Una criptovaluta, come Ripple, è una moneta digitale che in questo caso possiamo definire come un vero e proprio sistema di pagamento in tempo reale. Questa moneta infatti, permette di scambiare facilmente denaro tra individui indipendentemente dalla loro ubicazione nel mondo, o dalla banca nella quale si possiede il conto corrente. 

Le criptovalute, secondo coloro le community fautrici delle monete digitali, nel tempo potrebbero persino sostituire il moderno sistema bancario. Certo questa è una credenza, popolare tra gli estimatori di Bitcoin. Però non dobbiamo pensare che ciò possa verificarsi realmente, in quanto sarebbe molto difficile sostituire le banche centrali, fulcro dell’economia nazionale. 

In ogni caso Ripple, potrebbe essere dopo Bitcoin, una delle monete più utilizzate per le transazioni, specialmente per quelle internazionali. 

Perché investire in Ripple: conviene? 

Quando si sceglie d’investire nelle criptovalute, si dovrebbe sempre creare un portfolio differenziato con varie monete digitali, tra queste dovrebbe esserci Ripple. Perché investire in  Ripple?

Innanzi tutto dobbiamo considerare che a differenza di altre valute digitali dove non c’è un punto unico di riferimento,  questa valuta ha una chiara governance. Essa fa riferimento alla Ripple Labs proprietaria del progetto. In questo modo si hanno sempre delle linee guide chiare sugli sviluppi futuri di questa moneta digitale e inoltre si può avere sempre un punto di riferimento ben definito. 

Un altro vantaggio di Ripple, rispetto ad altre monete digitali, è il suo rapporto con gli istituti finanziari e con le aziende. Ripple, ha una rete apposita che può essere utilizzata dai Payment Providers, dalle multinazionali e dalle banche. Questa rete permette d’inviare pagamenti in tutto il mondo, agli impiegati ai clienti e ai fornitori. Al momento Ripple viene utilizzata da circa 75 Istituti finanziari tra i quali ci sono: 10 banche del consorzio 47-bank del Giappone, la Bank of America, la RBC e la Stantard Chartered. 

Come per i bitcoin, anche se in forma nettamente maggiore, il token di Ripple prevede una circolazione massima di 100 miliardi di XRP, e non si potrà mai eccedere oltre questa soglia. Sicuramente, la scarsità di un bene, può rendere al quanto vantaggioso un investimento, in quanto non si rischia mai l’inflazione  della moneta. 

Infine, tra i vantaggi di Ripple ci sono sicuramente le transazioni veloci e a basso costo. Il sistema di validazione impiegato da questa criptovaluta permettono una conferma delle transazioni in modo rapido e veloce. 

Uno svantaggio di questa moneta potrebbe essere il loro valore molto basso, rispetto ad altre criptovalute, inoltre anche la crescita del loro valore nel tempo al momento non sembra prospettare una quotazione stellare come quella prevista per Bitcoin, anche se si pensa ad una buona crescita percentuale per il 2019. 

Valore di Ripple e previsioni per il 2019 

Conoscere la quotazione Ripple in tempo reale è fondamentale per capire se acquistare questa valuta virtuale può essere un buon affare o meno. Qui sotto riportiamo un grafico costantemente aggiornamento sul prezzo del XRP in tempo reale.

Come vediamo, nel corso dello scorso anno le performances di Ripple sono state sicuramente al quanto soddisfacenti in quanto nel corso di quest’anno la moneta virtuale è passata da un valore medio di 0,0006 Dollari ad oltre 2 dollari sul finire dello scorso mese di dicembre. Al momento la quotazione di Ripple dunque oscilla tra 1,8 e 2 dollari, a seconda dei giorni in cui si controlla il prezzo. 

Dall’inizio del 2017, in generale, le criptovalute hanno visto un aumento di valore realmente impressionante, passando da un totale di circa 15 miliardi di dollari nel 2016 a ben 178 miliardi 12 mesi dopo. Questi dati ci fanno vedere come duante l'anno Ripple  si sia mosso sicuramente in un contesto positivo, che potrebbe continuare nel tempo, secondo le previsioni di diversi Broker e big della finanza. 

Previsioni Ripple 2019

Secondo alcune previsioni nel 2019, Ripple potrebbe portare il suo valore medio attorno a 3 / 4 dollari per ogni moneta. Se si dovesse verificare un aumento del genere si avrà la possibilità di aumentare il capitale investito di ben 12 volte rispetto a qualche mese prima. Non male considerando il costo esiguo della moneta che permette un investimento anche a coloro che dispongono di un capitale più ridimensionato. 

Dopo aver toccato quota 2 dollari alla fine dello scorso anno, il 2019 di Ripple potrebbe pertanto essere ancora in salita. Ad oggi essa rappresenta una valuta molto abbordabile e di facile acquisto, oltre che alla portata davvero di tutti.

Le previsioni 2019 stimano, come detto, la quotazione Ripple sui 3 o 4 dollari l'uno, ma non è ovviamente esclusa un movimento ancora maggiore (pochissimi si aspettavano i Ripple a 2 dollari alla fine del 2017, eppure è accaduto).

Noi di IRRE Molise siamo investitori accorti, per cui crediamo che comprare Ripple sia positivo nell'ottica di una diversificazione del proprio portafoglio di criptovalute. Tutti i maggiori esperti di investimenti, infatti, sono concordi nell'affermare che la diversificazione (ovvero investire in più assets) è fondamentale per proteggere i propri capitali e risparmi.

Quali sono i vantaggi di un investimento in Ripple nel 2019? 

Come già anticipato fare un investimento in Ripple nel 2019 potrebbe essere vantaggioso, in quanto questa valuta è adottata da molte banche e permette delle transazioni veloci ed economiche. 

Infatti, si stima che con questa criptovaluta è possibile risparmiare circa il 60% sulle commissioni previste per le transazioni bancarie. 

La scelta d’investire in Ripple, dev’essere sicuramente vista a lungo termine, infatti il loro valore potrebbe aumentare nel corso dei primi 6 mesi del 2019, e non certo in poche settimane.

Minare Ripple si può fare?

Per come è stata creata, la criptovaluta Ripple  non può essere minata perché non si può creare. Sin dal momento della sua nascita, sono stati immessi sul mercato 100 miliardi di XRP, una cifra che rimarrà costante per tutta la vita della criptovaluta.

Per questo motivo, Ripple si può solo comprare.

Come comprare Ripple?

Ripple può essere acquistato tramite degli scambi digitali, o exchange, come ad esempio Bittrex o Poloniex. Registrarsi a questi exchange è gratuito, ma entrambi accettano solo pagamenti in Bitcoin.

Pertanto, per usare una moneta fiat (cioè le monete classiche come euro o dollaro) per comprare Ripple bisogna necessariamente transitare per i Bitcoin. La cripto BTC può essere acquistata su scambi professionali come CoinBase (che regala 10$ dollari gratuiti per 100$ di acquisto) e, da lì, girata verso i già citati Bittrex o Poloniex per acquistare finalmente XRP.

Come conservare Ripple? I migliori portafogli

Una volta che si è comprato Ripple, bisogna decidere dove conservarli. Esattamente come per qualunque altra moneta cui siamo abituati nella vita di tutti i giorni, anche i nostri XRP devono essere tenuti al sicuro.

Entrano in gioco, pertanto, i wallet, o portafogli. Il migliore in italiano, quello “definitivo”, è la penna USB Ledger Nano, che permette di avere un controllo al 100% sulle proprie criptovalute (Ripple XRP, ma non solo).

Se preferite wallet online (più veloci da usare, ma meno sicuri) allora Bittrex o Bitstamp possono essere due buone scelte.